Comunicati stampa

Appalti Siracusa- Gela, Minardo frena gli entusiasmi!

Dobbiamo aspettare ancora qualche mese per vedere appaltati definitivamente i lavori relativi ai lotti Rosolini-Modica della Siracusa-Gela, infrastruttura il cui iter è stato  caratterizzato da limiti di velocità inenerrabili”.

E’ il deputato nazionale del Nuovo Centrodestra Nino Minardo a smentire nientemeno che il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta.

“La commissione ministeriale, che sta svolgendo la sua fase tecnica-economica riguardo l’iter di aggiudicazione, ha riscontrato delle anomalie, come accade spesse volte, per cui occorrono ulteriori approfondimenti prima della conclusione definitiva che richiedono nella migliore delle ipotesi almeno 30 giorni o forse più.

Allo stato attuale nessuna ditta ha avuto aggiudicati i lavori proprio perché la commissione ha riaperto un’altra fase di controllo e verifica nelle offerte.

E’ ovvio che attendere ancora un mese rispetto agli oltre 20 anni trascorsi non è la fine del mondo, ma al momento è importante tenere alta l’attenzione affinchè si superi velocemente questa fase e si possa veramente parlare di inizio lavori dell’opera che sappiamo è di fondamentale apporto per l’occupazione nella fase di realizzazione. Per diversi anni, infatti, sarebbero occupate circa 2.500 persone per la realizzazione dei lotti e nel contempo anche le imprese locali, coinvolte nei lavori, potrebbero avere importanti benefici economici.

Già stamattina ho sollecitato il Ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, affinchè  la commissione esaminatrice concluda presto quest’ultima fase.

Da sottolineare anche l’inserimento nel progetto della realizzazione della bretella denominata “Bugilfezza- San Giovanni al Prato” che renderà più  snello e veloce l’accesso alle SS. 194 e 115 con l’autostrada, baipassando i centri abitati di Modica decongestionando di parecchio il traffico veicolare al polo commerciale e così via.

Quindi vigiliamo e auspichiamo che presto possiamo parlare di reale passo in avanti di realizzazione di una grande e attesa opera infrastrutturale”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.