Attualità

“InCanto per un Sorriso”, 3 concerti a Scicli per aiutare il Centro Diurno per Minori

L’Associazione Culturale “Sicilian Beat”, con la direzione artistica di Alberto Fidone, presenta “InCanto per un Sorriso”, rassegna di 3 concerti il cui ricavato sarà donato al Centro Diurno per Minori Maria SS. del Rosario. Protagoniste saranno il canto e la solidarietà. Tre formidabili voci animeranno tre serate all’insegna di tre generi musicali diversi (classica, jazz e pop) con un obiettivo comune: raccogliere fondi per provare a strappare un sorriso in più a ragazzi in difficoltà e far conoscere il Centro Diurno, una realtà di cui spesso si conosce poco o niente.

La rassegna avrà luogo presso il Palazzo Spadaro di Scicli, in via Mormino Penna nel cuore del barocco sciclitano. Si comincia il 26 dicembre con “Una sera all’opera”. Un bel viaggio tra brani d’opera interpretati magistralmente dal soprano Silvia Di Falco, una delle voci più interessanti del panorama lirico nazionale. Ad accompagnarla al pianoforte sarà il M° Francesco Scrofani Cancellieri. Si prosegue il 2 gennaio con la musica jazz del “Laura Campisi jazz trio”. Cantautrice, band leader e interprete di Jazz, Folk e musica tradizionale siciliana, la palermitana Laura Campisi dal 2011 vive e lavora a New York e presenta a Scicli alcune sue composizioni originali e rivisitazioni di standards. Ad accompagnarla ci saranno due musicisti affiatati da numerose collaborazioni: il giovanissimo pianista Seby Burgio e lo sciclitano contrabbassista Alberto Fidone. Infine il 4 gennaio sarà la volta della musica leggera italiana d’autore con una serata dedicata alle più belle canzoni di Lucio Battisti e Lucio Dalla, “Luci dal cielo”. Il progetto, ideato e arrangiato dal M° Peppe Arezzo, si avvale della grande voce di Nuccio Boscarino che riesce a interpretare magnificamente i brani dei due cantautori italiani. Per l’occasione il concerto avrà sonorità acustiche e ad accompagnare la voce del Boscarino ci saranno Peppe Arezzo al pianoforte, Fabio Iacono alle tastiere e Alberto Fidone che si alternerà tra contrabbasso e basso elettrico.

Ingredienti di queste serate sono la buona musica e la solidarietà verso il Centro Diurno per Minori “Maria SS. del Rosario” di Scicli. Il centro nasce nel 1992, oltre 20 anni di intensa attività hanno promosso stili di vita, di cooperazione, il benessere e la maturità dei minori, favorendo il loro inserimento nella comunità cittadina. Il Centro diurno accoglie ragazzi in difficoltà da 6 ai 16 anni, offre un‘occasione privilegiata per intessere relazioni di amicizia, avviare un sereno processo d’integrazione sociale sia dei minori e sia delle loro famiglie, per orientare agli studi e al lavoro, per educare ai valori civili e morali. Nel Centro diurno tutto ruota attorno ai minori accolti, sono loro oggetto di amorosa sollecitudine da parte degli operatori e di attrazione di gesti di solidarietà e affetto da parte di amici dell’Istituto, di Enti privati e pubblici, di Cooperative e Club. Il Centro diurno fornisce i seguenti servizi: trasporto, mensa, sostegno e recupero scolastico, servizio sociale e psicologico rivolto ai minori e alle famiglie, l’animazione. Le figure professionali coinvolte sono: psicologo, assistente sociale, educatori, animatore, tecnico laboratorio, ausiliario generico. Attualmente il Centro Diurno per minori esiste e si sostiene grazie a donazioni libere di cittadini e associazioni.

I concerti avranno inizio alle 21.00. Il biglietto d’ingresso per il 26 dicembre e 2 gennaio è di €12 con un biglietto ridotto per gli under 16 di €8, per il 4 gennaio il biglietto è di €15 con ridotto di €10. Durante la serata del 2 e 4 gennaio ci sarà anche una degustazione di alcuni prodotti tipici a cura di Tesori del Mediterraneo.

«Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.» (Madre Teresa di Calcutta)

 

locandina-def

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.