Cronaca Santa Croce Camerina

Santa Croce, fermati a bordo di motorini rubati e denunciati

I carabinieri della Stazione di Santa Croce Camerina hanno bloccato e denunciato tre giovani per ricettazione e hanno potuto recuperare e restituire due ciclomotori rubati a Ragusa nei giorni scorsi. La sera del giorno di Santo Stefano, una pattuglia dei carabinieri stava svolgendo un posto di controllo in piazza del mercato a Santa Croce Camerina. I due militari hanno notato giungere due scooter, uno con il solo conducente, l’altro con due persone. I due, vista la paletta rossa e bianca, hanno tentato di svicolare. Mentre il secondo è riuscito nell’intento, il primo è stato fisicamente bloccato da un militare. Il giovane fermato ha ammesso di non avere la patente e di essere su un motorino non suo, inoltre, gli  è stato trovato un grosso cacciavite nel giubbotto. Dopo i controlli di rito si è scoperto che il mezzo era stato rubato  a Ragusa a novembre. Mentre i militari hanno accompagnato in caserma il giovane, un 22enne rumeno incensurato, per denunciarlo per ricettazione, porto d’oggetti atti ad offendere e guida senza patente, lungo la via Diana hanno incrociato il ciclomotore che prima era fuggito. L’autista ha fermato la corsa, mentre il capo pattuglia è uscito d’improvviso dall’auto. Nel contempo i due sono fuggiti a piedi. Il sottufficiale però, grazie all’effetto sorpresa e allo scatto, è riuscito  a bloccare il passeggero poco lontano dall’auto militare. Nel porta oggetti è stato rinvenuto un grosso cacciavite, il mezzo era stato rubato a Ragusa a fine novembre e così anche la targa. I due carabinieri, hanno identificato entrambi i giovani poiché il conducente era stato visto bene in volto ed era stato riconosciuto. Il passeggero, un altro rumeno 23enne bracciante agricolo incensurato, e il conducente, di 19 anni, anch’egli rumeno pregiudicato, sono stati denunciati per  ricettazione, porto d’oggetti atti ad offendere, alterazione e uso di targa falsificata. Il conducente è stato anche sanzionato per non essersi fermato all’alt.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.