Politica

La Tasi a Scicli viola la legge?

La Tassa sui servizi indivisibili (TASI) è stata introdotta con la legge di stabilità  2014 approvata con il voto  di fiducia diPD, Nuovo  Centrodestra, Scelta  Civica e   partiti minori(art. 1, co. 669, Legge n. 147/2013). La Corte dei Conti,pronunciandosi in merito alla TASI, si è espressa definendo la nuova tassa «una patrimoniale che si avvicina all’IMU».

E la motivazione risiede nel fatto che la TASI non è commisurata al costo del servizi stessi da finanziare, bensì alvalore degli immobili e delle aree fabbricabili ed i contribuenti sono di fatto quasi solo i proprietari degli stessi e non tutti i contribuenti che usufruiscono dei servizi. La base imponibile è identica all’IMU.

I dieci consiglieri comunali (Verdirame, Pellegrino, Fortino, Scimonello, Vindigni, Ingallinesi, Causarano, Aquilino, Ferro e Alfieri) che hanno approvato la delibera TASI,  fissando l’aliquota al 2,5 per mille,  non hanno tenuto in alcun conto della capacità contributiva delle famiglie a basso reddito (pensionati al minimo, disoccupati e famiglie in stato di grave disagio economico etc.) in quanto non hanno introdotto  alcuna esenzione o riduzione a favore di tali soggetti. Di conseguenza tante famiglie non saranno in grado di pagare la TASI in quanto non hanno redditi  sufficienti  neanche a soddisfare  le necessità primarie.

Analizziamo i due adempimenti fondamentali per l’applicazione della TASI:  regolamento edelibera.

In merito all’approvazione del regolamento TASI i consiglieri comunali non hanno effettuato l’individuazione dei servizi indivisibili  e l’indicazione analitica, per ciascuno di tali servizi, dei relativi costi alla cui copertura la TASI  è diretta, in violazione della norma di  cui all’art. 1, comma 682 della sopra citata legge di stabilità.

In merito all’approvazione della delibera TASI i dieci consiglieri comunali dovevano approvare le aliquote della TASI in conformità con i servizi e i costi individuati precedentemente nel regolamento, in ossequio alla disposizione  dall’art. 1, comma 683, della sopra citata legge.  Invece hanno approvato l’aliquota TASI del 2,5 per mille senza conoscere quali erano i servizi indivisibili e i relativi costi da finanziare con l’introito della TASI, violando così la legge e dimostrando una incompetenza  unica.

E’  evidente quindi che il regolamento TASI e la relativa delibera sono state approvate in palese violazione delle sopra citate norme. Per cui ricorre il vizio di violazione di legge  e pertanto il regolamento e la delibera possono essere impugnate innanzi al TAR, il quale ha il potere di dichiararne l’illegittimità con consequenziale annullamento dell’aliquota massima del 2,5 per mille  e ripristino dell’aliquota base dell’1 per mille.

Va detto che le Associazioni di categoria e i Sindacati possono presentare il ricorso al TAR, se hanno intenzione di difendere i propri iscritti.

In ultimo la giustificazione dei consiglieri comunali per l’approvazione dell’aliquota TASI del 2,5 per mille è stata quella di salvare il Comune di Scicli  dal dissesto, non capendo che la maggior parte dei contribuenti non sarà in grado di pagare questo ulteriore balzello e quindi gli introiti sperati non si conseguiranno. I Comuni invece si salvano con la riduzione delle spese e degli sperperi  e del numero dei pubblici dipendenti.

                                                                                                                                                     Dott. Giuseppe Implatini 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.