Attualità

Gli alunni del Cataudella di Scicli rispondono agli attacchi, Vilardo: “”Nessuno ci può accusare o definire con termini volgari”

L’Istituto Cataudella di Scicli, al centro di attacchi denigratori, dopo l’annuncio della manifestazione di sabato 8 Novembre per l’integrazione, attraverso i rappresentanti degli studenti risponde con determinazione alle accuse. Il dirigente scolastico prof. Enzo Giannone, intanto, annuncia che non procederà a querelare gli autori dei pesanti attacchi contenuti in un documento, pur sollecitato da tanti in queste ore, in particolare da docenti e genitori. “Sono giornate di lavoro intenso. Stanno per partire i lavori per la ristrutturazione della scuola. Lavoro con miei collaboratori anche fino a tardissima sera per la scuola che dirigo, per i miei studenti e per l’intera comunità di Scicli (Rg), con risultati eccellenti, come ci viene riconosciuto da tante parti. Oggi qualcuno ha pensato bene di buttare fango su tutto ciò, in maniera violenta e infame, prendendo a pretesto una manifestazione preannunciata dagli studenti per sabato prossimo per la tolleranza fra le razze”. Purtroppo però il prof. Giannone aggiunge: “Alla fine di quest’anno scolastico chiederò di andare via dalla scuola che dirigo, dal “Q. Cataudella” di Scicli, perché sono stanco e stufo di costruire speranze e futuro in un luogo dove fare ciò diventa sempre più difficile e forse impossibile”. Il rappresentante di Istituto degli studenti, Salvatore Vilardo, in merito agli attacchi subiti dichiara: “Quando qualcuno fa riferimento al corpo studentesco del “Q. CATAUDELLA”, deve assolutamente tener presente che circa 1000 studenti non possono subire strumentalizzazioni da nessuno. Siamo ragazzi che abbiamo un cervello che facciamo funzionare e riusciamo a mettere a fuoco i problemi del nostro tempo. Per questo motivo riteniamo che la manifestazione indetta per sabato 8 novembre non è una perdita di tempo, ma l’occasione per lanciare un messaggio alla cittadinanza. Lo stesso conclude sottolineando che “nessuno ci può accusare o definire con termini volgari anche solo per il semplice fatto che non abbiamo le stesse idee in merito”.

One thought on “Gli alunni del Cataudella di Scicli rispondono agli attacchi, Vilardo: “”Nessuno ci può accusare o definire con termini volgari””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.