Evidenza

Rimesso in libertà l ‘uomo che ha tentato di uccidere la badante

Rimesso il libertà l’anziano che nei giorni scorsi era stato arrestato per tentato omicidio e lesioni nei confronti della propria badante. Giovanni Arrabito, 83 anni, originario di Scicli ma residente a Ragusa, era stato ammesso ai domiciliari. Il Gip, Giovanni Giampiccolo, dopo la convalida dell’arresto ha revocato il provvedimento restrittivo poichè non sussistono le esigenze cautelari.

L’anziano, difeso dall’avvocato Antonia Brancaforte, era stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Marina di Ragusa dopo che erano stati allertati dal 118 perchè una donna era ferita e le lesioni apparivano chiaramente da taglio, poteva pertanto essere stata dolosamente ferita. Successivamente Arrabito aveva confessato di aver colpito la propria badante con tre fendenti utilizzando un coltello da cucina (della lama di circa dieci centimetri) che aveva a portata di mano.

Pare che l’uomo già da tempo si fosse lamentato per ammanchi di danaro in casa e avesse sospettato della donna. Ieri, accortosi che mancavano dei soldi in casa e che la chiave della cassaforte non era in tasca, ha accusato la donna di aver preso i soldi. Questa, per tutta risposta ha risposto all’ottuagenario in malo modo, sicché lui, sentitosi offeso, ha afferrato il coltello e l’ha colpita tre volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.