Cronaca

Orazio Fidone nel registro degli indagati ma non per omicidio

Orazio Fidone, il cacciatore che sabato pomeriggio ha ritrovato il cadavere del piccolo Andrea Loris Stival a Santa Croce Camerina è indagato Procura della Repubblica di Ragusa per la detenzione di munizioni ed esplosivo.L’iscrizione di Fidone nel registro degli indagati consente di compiere accertamenti sulla fuoristrada “Suzuki” con cui sabato ha raggiunto contrada Mulino Vecchio, dove ha scoperto il corpo di Loris in un canale di scolo, ma anche su un’altra vettura a lui in uso e sugli abiti che indossava.La Procura afferma: “Denunciato Orazio Fidone per detenzione di esplosivo risalente alla seconda guerra mondiale. Inoltre sono state rinvenute migliaia di munzioni da caccia ed anche da guerra, tutte illegalmente detenute. In data odierna in considerazione della quantità e della tipologia di esplosivo, all’esito degli accertamenti effettuati dagli artificieri della polizia di Stato di Catania e disposti dalla Procura della Repubblica al momento del rinvenimento, Fidone è stato denunciato in stato di libertà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.