Cronaca

I verbali contraddittori della mamma di Loris

“Eravamo in ritardo e c’era traffico, ho lasciato mio figlio a circa 500 metri da scuola”, afferma la mamma del bambino nel verbale del 29 novembre. Ma in quello del giorno successivo cambia versione: “Mi sono fermata a poche decine di metri della scuola per farlo scendere”.

“Avevo notato che il bambino da una settimana era più nervoso del solito”, ha anche messo a verbale. Il giorno precedente la donna aveva spiegato agli investigatori che “Loris non andava a scuola molto volentieri perché diceva che lo prendevano in giro”.

Un’altra incongruenza riguarda la sua partecipazione ad un corso di cucina. Nel primo verbale la donna racconta infatti che “dopo aver accompagnato il figlio piccolo alla ludoteca sono andata al Castello di Donnafugata, dove sono rimasta fino a mezzogiorno”. Nel secondo verbale Veronica fornisce un’altra versione. “Lasciato il bambino (il figlio più piccolo, ndr) sono tornata a casa per sbrigare delle faccende domestiche. Alle 9.15 sono uscita di casa e sono andata al Castello di Donnafugata, dove sono rimasta fino alle 11.45″.
“Ho accompagnato Loris a scuola con la macchina e l’ho lasciato a poca distanza dal cancello” ha raccontato Veronica. Ma nelle immagini si vede invece che Loris, attorno alle 8.30, scende dalla Polo nera della mamma e va verso il portone di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.