Appuntamenti Attualità

Il vescovo di Ragusa “apre” alle migrazioni forzate

“Tendere la mano sempre verso chi ha bisogno, senza se e senza ma, e’ sempre stata la linea della Chiesa e con questa consapevolezza dobbiamo operare una dimensione dell’accoglienza per chi scappa ed e’ perseguitato. Dinanzi alle migrazioni forzate dobbiamo aprire, non chiudere, al fine di creare insieme prospettive di futuro. A papa Francesco non sfugge la complessita’ del fenomeno e proprio per questo ha indicato vari punti per accrescere il benessere di tutti”. Cosi’ il vescovo di Ragusa, monsignor Carmelo Cuttitta, a margine della presentazione degli eventi conclusivi della Giornata del Rifugiato, pensati e organizzati dalla fondazione San Giovanni Battista in collaborazione con la Caritas diocesana e l’ufficio Migrantes della Diocesi di Ragusa. Oggi, alle 21, in piazza Hodierna, a Ragusa Ibla, verra’ presentato il libro “Il mondo tra le dita”, frutto di un concorso nazionale rivolto agli Sprar e del progetto di alternanza scuola lavoro svolto con gli studenti del liceo artistico “Ferraris” di Ragusa. A seguire il concerto dei Radiodervish che presenteranno in anteprima nazionale il loro nuovo cd, “Il Sangre e il Sal”.
Domani, alle 17.30, presso la sala Avis ‘Rosario Digrandi’ di Ragusa si discutera’ sul tema “I mezzi di informazione di fronte ai flussi migratori” con il giornalista Paolo Lambruschi e della “Situazione siciliana e i nuovi scenari del Mediterraneo” con Antonella Elizabeth Basilone, rappresentante Unhcr Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.