Appuntamenti Politica

800.000 euro per il recupero Della chiesa di San Bartolomeo a Giarratana

Il servizio 7, politiche urbane e abitative, dell’assessorato regionale delle Infrastrutture ha disposto il decreto di finanziamento (protocollo 2356 del 5 settembre 2018) dell’ammontare di 800.000 euro per il recupero di alcune parti della chiesa di San Bartolomeo a Giarratana. A darne comunicazione è l’on. Orazio Ragusa il quale spiega che l’intervento contempla le opere di risanamento e di restauro conservativo dell’edificio di culto sulla base del progetto esecutivo presentato a Palermo dal parroco. L’ente attuatore del progetto è il Comune di Giarratana. “L’ente locale territoriale – chiarisce l’on. Ragusa – ha però un compito molto importante da espletare. Entro il termine perentorio di 180 giorni, quindi sei mesi, il Comune dovrà provvedere all’espletamento della gara di appalto e alla consegna dei lavori all’impresa aggiudicataria. Se ciò non dovesse accadere, il finanziamento in questione decadrebbe. E certo non ce lo possiamo permettere. Ecco perché invito la Giunta retta dal sindaco Bartolo Giaquinta a bruciare le tappe, ad accelerare i tempi facendo sì che le risorse economiche in questione non vadano perdute. Ci mettiamo sin da ora a disposizione nel tentativo di risolvere problematiche eventualmente insorgenti. Il decreto di finanziamento si rivolge a una delle chiese più significative del territorio provinciale che aveva bisogno di una importante azione di recupero. Che, adesso, potrà finalmente essere concretizzata non dimenticando che l’edificio di culto ospita il simulacro di San Bartolomeo e che quindi l’attenzione dei giarratanesi verso questi interventi sarà altissima. Doveroso ringraziare il Governo Musumeci e l’assessore regionale Marco Falcone per la rapidità con cui ha portato a compimento l’iter avviato durante la scorsa legislatura. E grazie anche al consigliere comunale di maggioranza Giovanna Caruso che ha seguito lo stesso con estrema attenzione sino ad arrivare alla pubblicazione del decreto in questione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.